Chocobama

10 novembre 2008 alle 23:08 | Pubblicato su Satira | 24 commenti
Tag: , , , ,

chocolate-candy

Talune persone sono convinte che, per essere amate ed avere consenso, sia necessario mostrarsi divertenti ad ogni costo, sparare battute, far sorridere in qualsiasi occasione: si tratta della detestabile categoria degli “spiritosoni”, che spiritosi non sono e strappano solo smorfie d’imbarazzo.

Quando cercano di rallegrare una cena o una scampagnata, si può anche metterli a tacere con un “piantala, cretino!”. Ma quando il soggetto si trova (faccio un esempio) nella sala delle conferenze del Cremlino, davanti al presidente russo Medvedev, non c’è mai un’anima buona che gli dà una gomitata nelle costole e gli tolga il fiato, impedendogli di fare danni a sé stesso e soprattutto all’Italia.

Il nostro capo del governo non ha saputo trattenere l’infelice battuta sull’abbronzatura di Obama perché, una volta creatasi la fama di spiritosone, teme che la sua immagine, se non dice una freddura dopo l’altra, ne risulti annebbiata. È colto da una specie di diarrea verbale: le parole gli urgono in gola, si affollano, spingono, vogliono uscire ad ogni costo. E alla fine schizzano fuori… e il disastro è combinato.
Non si rende conto di quello che accade: pensa che si tratti di una cosetta e invece è una cosona. Crede di fare un peto e si ritrova con le mutande piene. Le mutande sono i giornali di tutto il mondo, dove è finita quella che il Cavaliere ha definito una “carineria”.

Qui nasce il problema peggiore: perché se è in buona fede e continua a difendere le sue parole, affermando che gli altri (ossia non solo il Pd, ma la stampa e le tv dell’intero pianeta) non hanno senso dello humor, allora significa che è totalmente ignaro di cosa si può dire e di cosa bisogna ingoiare. Sono sicuro che a Gerusalemme racconterà presto una barzelletta sul nasone degli ebrei.

L’unica speranza è che si realizzi davvero ciò che ha sospirato, dopo avere notato incredulo l’indignazione generale: “Dio ci salvi dagli imbecilli!”. Un auspicio sul quale l’intero universo è d’accordo.

Fra poco si recherà alla Casa Bianca in visita ufficiale, e Barack ha la memoria lunga.

     ____________________________________________________________________________________

(Esterno giorno. Residenza privata di Obama. Silvio e Barack sono in maniche di camicia nel giardino. Salutano alcuni giornalisti accreditati. Cordialità.)
SB: … e vi dirò di più! Ho scoperto che Obama conosce l’italiano, ma non osa confessarvelo!
Giorn.: Really?
BO: Oh, well… No… Uhm… My itagliano solo poco poco!
Giorn.: (risatine)
SB: Consentitemi di cogliere questa occasione, durante la mia prima visita al nuovo presidente, per ripetere una semplice frase che dissi al suo predecessore, con la speranza di rafforzare l’amicizia che lega i nostri due paesi. “Ai considero deds de fleg of de iunait steits nos onli e fleg of de cauntri, bas as iuniversal messagge of fridom end dimocrasi.
Giorn.: (risate)
BO: Now we must go, my family is waiting for us.
Giorn.: Thanks Mr President, grezie signor Bilousconi.
(Si avviano verso la villa, un ultimo saluto ai fotografi prima di entrare.)

(Interno giorno. Le pareti dell’ingresso sono bianche e luminose. I funzionari lasciano i capi di Stato da soli.)
SB: (Si frega le mani) Bene, si mangia adesso. Ui chen it nau.
(Barack prende Silvio per la giacca, lo spinge verso il muro e lo solleva di peso. Berlusconi sorride meno e il lifting tira. I loro volti sono distanti solo pochi centimetri.)
BO: Ora mi ascolti molto attentamente. Voglio che ogni parte del suo corpo e della sua mente siano concentrate su quello che dirò. Desidero che in futuro, quando i nostri sguardi si incroceranno di nuovo, abbia ben stampate in mente le mie parole, neppure una virgola deve essere scordata.
Primo. Mia madre e mio padre si sono conosciuti alla Hawaii University durante un corso di russo, ho passato l’infanzia a Giacarta, mi sono laureato alla Columbia University in scienze politiche, con una specializzazione in relazioni internazionali. Non contento dei risultati, ad Harvard mi sono laureato in giurisprudenza ottenendo una meritata magna cum laude. Come lei sa bene i testi legislativi e le procedure dibattimentali sono ricche di citazioni latine e greche, ecco perché mi sono preoccupato di studiare queste lingue morte, sfociando con ottimi risultati nella conoscenza della cultura europea. Quindi mister Pizzeria Bella Napoli non osi mai più pronunciare “iunait steits” in giro per il mondo fino a che occuperò la Casa Bianca. Il modo in cui gestisco la mia istruzione riguarda una e una sola ristretta cerchia di amici, di cui lei non fa parte.
SB: Io…
BO: Secondo. Fra poco i suoi rialzi toccheranno il pavimento ed andremo assieme verso la grande sala da pranzo dove la mia famiglia ci attende. Le rammento che mia moglie Michelle, le mie figlie Malia e Natasha, ed alcuni ospiti le appariranno di carnagione scura. Sono di razza afroamericana, non sono ab-bron-za-ti. La mia pelle non è la mia vita, come invece fu per milioni di schiavi fino a due secoli fa. I maltrattamenti e le umiliazioni che oggi procurate nella vostra calda e ridente penisola ai miei fratelli sono problemi che non posso affrontare politicamente, ma mi toccano nel più profondo del cuore. Questo significa che mi è impossibile muovere un solo dito in aiuto delle minoranze che ospitate con meritevole carità, ma ogni gesto di razzismo, compiuto da un singolo idiota, o da un gruppo organizzato, mi verrà recapitato con la massima urgenza in un fascicolo ricco di dettagli. Glielo giuro!
SB: Non deve…
BO: Terzo. Governo la maggior potenza terrestre in un periodo di grande difficoltà. Siamo un popolo unito e sono certo che usciremo da questa crisi a testa alta. Onore al merito alla Cina, India e Brasile. Ho versato sangue per mettere insieme una squadra di 5000 persone che lavoreranno per il risanamento economico, il benessere e il futuro del paese. Chiederò alle nazioni che ritengo meritevoli se vorranno stare al mio fianco, mentre a quelle non degne di esserlo non manderò neppure una cartolina. Per quanto vi riguarda, lei, simbolo di una Casta maligna, composta da nani e ballerine, leccaculo e parassiti, corrotti e corruttori, ignoranti e mafiosi, non chiederò il minimo aiuto perché politicamente non siete neppure all’altezza di decidere da che parte stare, appoggiando le peggiori ideologie di massa col solo scopo di ottenere consensi. Non vuol dire che sarete esclusi dai miei progetti: nel momento in cui io o un mio collaboratore vi chiameremo voi dovrete rispondere “sissignore”. Qualsiasi cosa vi chieda, che vi stia bene, oppure no, mi aspetto un secco e fulmineo “sissignore”. Siete un paese ricco, a suo modo, di opportunità, che potrebbe quasi diventare pericoloso, se le migliori menti non continuassero a fuggire da secoli. Ma l’amministrazione di buffoni che in questo momento lo rappresenta non vale un solo secondo del mio tempo.
SB:
BO: Le è tutto chiaro?
SB: (il sorriso si è spento) Sissignore.
BO: (rimettendo il Cavaliere a terra) Ora ceniamo.
SB: Sì. Adesso… pappa.
Maggiordomo: We are ready, Mr President.
SB: (aggiustandosi i lineamenti per tornare a mostrare i denti falsi) Grazie.
BO: Michelle, Silvio and me…
SB: (più agile di Fiorello, quando faceva ancora l’animatore, agguanta la moglie di Barack) Donna Michelle! Uat biutiful uoman! Uat uonderful! Ai lov iu! AI LOV IU! (le fa fare una piroetta) E littl pis of ciocoleit!

Annunci

24 commenti »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

  1. il tuo dialogo mi sembra molto realistico e cogli comunque l’assurdità dei comportamenti pubblici del premier.
    modesta consolazione è che egli stesso è il soggetto preferito delle barzellette, ormai, più dei carabinieri.

  2. E adesso che hai ridicolizzato e messo alla berlina il nostro Presidente del Consiglio Berlusconi e il nostro Paese ti senti un uomo migliore? Sto cercando di capire dov’è che trovi quell’insano gusto, quello stupido senso di rivincita. Se c’è una cosa che i politici che rappresentano la democrazia negli Stati Uniti hanno ben presente è che la democrazia è fatta dall’alternanza, una volta vince una parte una volta l’altra, una volta convince uno una volta l’altro. Esistono per questo le campagne elettorali e le votazioni. Stabilito questo, una volta che il popolo ha votato e deciso chi vince, parte il massimo rispetto tra le parti e si comincia a lavorare e ad impegnarsi sul serio per il bene del proprio paese. In Italia questo principio, che è il fondamento della democrazia, della politica, della diplomazia e della collaborazione istituzionale manca ed è l’origine di tutti i nostri guai. E se devo dirla tutta manca a tutti gli schieramenti, ma difetta fortemente e in modo quasi totalizzante dalle parti del PD dell’UDC e del partito di DI PIETRO. Ci ha provato Veltroni a sfoderare un minimo di fair play è durato un mese scarso. Ne ha ancora parecchia di strada per proclamarsi l’Obama d’Italia. Per finire tu e il tuo articolo siete un degno esempio di questa tristezza politica italiana. Quando arriverà il cambiamento anche dalle nostre parti?
    Barbara Barbieri

  3. Bè che dire, con questo articolo hai colto nel segno.
    Probabilmente sei stato un’pò troppo duro con il sissignore, ma che vuoi che ti dica in fondo da mister tante promesse e pochi fatti ci possiam aspettare solo questo. Non escludere però che abbia il coraggio di proporre a BO una riforma della scuola come quella nel nostro paese, in fondo non si è ancora reso conto di quanto è… se stesso.

  4. Ha parte la tua evidente presa di parte,pensa alle figure che ci faceva fare Prodi con quelle sue risatine da ebete e l’incapacita’ di tenere qualsiasi colloquio con i vari premier ( deve aver fatto la solita universita’ di Di Pietro…). Convengo che Berlusconi non avrebbe dovuto dare dell’abbronzato a Obama ma quando poi tu affermi che maltrattiamo i suoi connazionali in italia e’ troppo…in questa ormai poco nostra italia fanno il comodo loro ,fruttano le nostre risorse e con i loro commerci danneggiano i nostri artigiani e i negozianti tutti con una ricaduta negativa sull’economia .Pochi sono quelli che lavorano , le tasse non le paga nessuno.Se poi parli dei genitori di Obama meglio lasciar perdere …si sono divisi subito e lo hanno abbandonato…le sue parole ” grazie padre di avermi messo sulla terra per fare in modo che io possa fare il cambiamento ” la dicono lunga …sembra piu’ un messia che altro; con la recessione che c’e’ in America e nel mondo tutti i suoi mirabolanti progetti sono solo un sogno irrealizzabile come e’ stato un sogno quello di Lenin di far star bene tutti,la storia ne ha dato certezza …solo un sogno.

  5. obama è un mezzosangue inetto ed incapace per l’america,rovinerà la nazione

  6. Molte persone sono convinte che chi ha la “MAGGIORANZA” abbia ragione su tutto;
    non e’ sempre cosi’;come ci insegnava a scuola
    il nostro professore di filosofia,
    se “la MAGGIORANZA afferma che gli asini volano,non per questo essi volano davvero”

  7. Con questo tuo racconto immaginario, riesci forse a svegliare in tutti noi quello spirito di rivalsa che ci attanaglia nei momenti critici del nostro vivere. Quanti mister SB fanno a gara a voler risultare spiritosi ed avvincenti, raccontando che tutto va bene e invitandoci a stare buoni buoni, meglio zitti, e fare a meno di lamentarci delle cose storte. Tanto, queste le vedono tutti e solo alcuni ( detestabili ) osano mostrare il prorpio disappunto. Sarebbe un’ottima soluzione quella di far finta di niente, anche se ti passa sul piede una grossa ruota di autocarro non preoccupiamoci, abbiamo sempre un’altro piede su cui sostenerci. I denti finti li abbiamo ormai quasi tutti, ed allora…facciamoli vedere una buona volta! Via! Un bel sorriso alla faccia di chi ci vuol male: Pensionati, precari, malati, omosessuali, handicappati, indigenti, orfani, suore, frati, ecc. Io non sono ” abbronzato ” ma ho avuto motivo di ritenermi offeso da quella frase sciocca, detta in modo inopportuno. Se avessi per amico un Mister SB, cambierei di sicuro compagnia!

  8. Purtroppo per te e i tuoi compagni, dovrete subire ancora per molto il nostro Silvio e se continuerete ad essere cosi DEMOCRATICI da pensare che solo voi siete la verità e solo voi sapete come agire, bene allora Silvio Morirà da presente del Consiglio

  9. Non sono Prodiano, ma non ricordo che l’ex Presidente del Consiglio si sia mai espresso con battute da commesso viaggiatore. Il Berlusconano è sempre pieno di livore, rancoroso, estremamente bugiardo. Ma cosa ha subito nella vita per averlo reso così. Mi dispiace, perché all’estero lo conoscono come esportatore di battute e scherzi sciocchi e cattivi. Ormai non interviene più nemmeno il suo difensore d’ufficio. Evidentemente è stanco anche lui delle battute offensive nei confronti di tutti.

  10. Il problema non è politico(o non solo);in questo,come in altre occasioni,è di “semplice” buon gusto. Mi auguro che il neo-presidente americano,si dimostri superiore e faccia finta di nulla.Sono fidicioso.In Obama.P.S.:azzurro,non si tratta di pronosticare lunga o breve durata al governo Berlusconi,di discettare sulla bontà o meno della Sua politica,bensì,ripeto,del buon gusto di considerare divertente ciò che non lo è.

  11. Sono daccordo con te fabio ma non è detto che la battuta sia stata di cattivo gusto, io ho visto il filmato e detto in quel modo, non la ritengo di cattivo gusto come sicuramente non lo riterrà così Obama, il problema è che sono insorti i vari Velroni e i giornalisti ci inzuppano il pane.

  12. Della vicenda politica non me ne importa veramente nulla: sono del tutto neutrale e convinta che solo un Governo con la G maiuscola risolverà TUTTI i problemi dell’umanità: il Regno di Dio, per cui Gesù insegnò a pregare nella preghiera del Padre Nostro.
    Mi fa invece rimanere senza parole il fatto che nel 2008 persone che si reputano moderne, all’avanguaria, magari usano I phone, computer, play station e chissà quali altri aggeggi super tecnologici, abbiano una mente così piccola e ristretta, forse peggio degli schiavisti che commerciavano gli schiavi neri, perchè quelli almeno avevano la scusa di essere ignoranti. MA COME SI FA NEL 2008 A PARLARE DI UNA PERSONA DICENDO CHE E’ UN MEZZO SANGUE???? Sono veramente indignata. Ogni persona nera, bianca, gialla, chiara, scura, con gli occhi più o meno a mandorla, è prima di tutto un essere umano. Mangia e beve come noi, soffre come noi, ha sentimenti come noi, e nessuno ha diritto di giudicarla per la razza a cui appartiene. Fondamentalmente la razza è una sola: la razza umana, con tante belle varianti al suo interno,perchè il nostro Creatore pieno di fantasia, non ha creato un mondo monotono, ma una varietà eccezionale. Inoltre, lo sapete che anche nel regno animale, i cosiddetti animali di razza sono i più deboli? Comprate un cane cosiddetto di pura razza e vedrete quanti giri farete dal veterinario, per problemi legati proprio alla sua purezza di razza! I dalmata non vedono bene, i bassotti hanno problemi alla colonna vertebrale, i pastori tedeschi hanno l’artrite alle zampe…perchè la razza pura è solo una fissa di qualche mente umana malata! Nei paesini piccoli di una volta dove ci si sposava sempre tra parenti, la razza era così pura che i bambini nascevano mentalmente e fisicamente ritardati!! Succedeva anche nelle case reali per non perdere il sangue blu!! Guardatevi attorno: i bambini di coppie miste sono più belli e più robusti di tanti nostri figli bianchicci emaciati! E’ ora di svegliarsi: non esiste una razza superiore all’altra! Sono fandonie perpetrate da personaggi tipo Hitler quelle della razza pura! Vergognamoci di scrivere simili fesserie e guardiamo quante persone nere, se solo gli viene data la possibilità, fanno grandi passi nel mondo della cultura, dello sport, dello spettacolo!

  13. Solo un contributo alla discussione. Un articolo apparso sul Washington Post di cui si parla qui:

    http://it.notizie.yahoo.com/9/20081111/twl-obama-washington-post-razzismo-rialz-e497199.html

    Ogni polemica con i vari berluschini (lo so per esperienza) e’ inutile. Neanche si accorgono che il vento e’ cambiato e che certi personaggi dovranno fare i conti con la Storia e con il fallimento delle loro ideologie basate sul profitto e sulla droga mediatica profusa a piene mani.
    L’Europa (e quindi anche l’Italia), qualora le politiche di Obama dovessero avere risultati, positivi, non potra’ che accodarsi ad esse e certi governanti risulteranno obsoleti e dannosi.

    Questo teme chi per anni ha creduto di sbafare continuamente in barba al prossimo, distruggendo il tessuto sociale, penalizzando i piu’ deboli e favorendo i piu’ ricchi, umiliando la cultura, la ricerca, l’innovazione, promovuendo a ruoli istituzionali saltimbanchi, nani e ballerine.

    Un saluto.

  14. io non sono assolutamente una compagna, anzi, però ho apprezzato l’ironia del post (sulla battuta sugli immigrati ho storto un po’ il naso, è vero). ragazzi, questa volta SB è indifendibile. Ci ha fatto fare una pessima figura e alla nostra immagine internazionale dovremmo tenerci più che a qualunque partito/schieramento. E’ per questo, pur detestando dare ragione a quelli di sinistra, questa volta riconosco che ne hanno da vendere.

  15. @ Barbara Barbieri
    La democrazia non è fatta dall’alternanza.
    La democrazia è poter scegliere il proprio rappresentante al governo, opportunità che oggi, noi tutti, di ogni schieramento, non possediamo.
    L’alternanza è un bieco gioco di potere: quest’anno governo io, il prossimo tu. Che poi significa: oggi vinciamo noi, domani vinciamo ancora noi. La Democrazia Cristiana, il Pentapartito è stato inghiottito dalla Storia, R.I.P.

    No, non manca il rispetto fra le parti.
    Mi pare di ricordare che l’attuale leader dell’opposizione abbia, dopo aver perso le elezioni, offerto l’aiuto dell’opposizione e tentato di aprire un dialogo. Purtroppo è stato ricoperto in pochi mesi da una tonnellata di merda lanciata senza vergogna da ogni rappresentante della maggioranza.
    Quindi il rispetto manca solo da una parte.

    Facciamo una scelta: chiamiamo “il partito di DI PIETRO” Idv, oppure il PD e l’UDC “il partito di Veltroni” e “il partito di Casini”. Grazie.

    Ti chiedi “Quando arriverà il cambiamento anche dalle nostre parti?”, una domanda che ci facciamo un po’ tutti. La risposta credo che sia: quando l’Italia sarà governata da persone senza conflitti di interesse, senza gravi procedimenti penali pendenti, che non manipolano l’informazione nazionale. Come Obama, o Veltroni.

    @ Roberto Perra
    Obama freme dal desiderio di ascoltare i consigli che Berlusconi gli darà. Tutto il suo team impazzisce dalla voglia. Gli americani hanno un senso dell’umorismo molto sviluppato e sanno che la visita ufficiale sarà un momento topico di ilarità generale.
    Comunque, in fatto di humor, i napoletani sono imbattibili.

    @ Claudio
    Mi sembra difficile credere che Prodi ci abbia fatto fare delle magre figure. Sì, certo, aveva un sorriso buono-buono-buono e parlava sottovoce, ma siamo abbastanza maturi da non giudicare un politico dal suo aspetto estetico (o no?). Ricordo che il “mortadella”, annunciato il ritiro, fu tirato per la giacca dalla Gazprom. Significa che in Russia lo ritenevano un tipo che le palle quadrate, perché non si offre a tutti l’amministrazione della più grande compagnia di estrazione a livello mondiale.
    Figuracce? No, io penso il contrario.

    Problema extracomunitari. (tagliato per motivi di spazio, non voglio annoiare)

    Taglio anche l’infelice frase sui genitori per chiederti: messia, o uomo pratico, ti rendi conto che se l’America entra in un periodo di recessione ci finiamo tutti?
    Non lo sapevi? Adesso lo sai. Cagati sotto dalla paura, caro mio, e prega che Obama ce la faccia, anche se odi il colore della sua pelle.

    @ Picchio
    Direttamente dall’Herald Tribune o dal Financial Times?

    @ Aldo
    Allora che aspetta Silvio a sciogliere il governo?

    @ Azzurro
    Mi hai fatto sorridere. Io scrivo satira perché amo far sorridere la gente, e tu hai ricambiato il regalo. Un dono raro, ti assicuro. Ti ringrazio con tutto il cuore, non è facile riuscire a ricevere così tanto, in così poche righe, nel proprio piccolo blog.
    Era torna in camerata e fatti spiegare che 1) Silvio non vuole morire 2) Silvio punta alla presidenza della Repubblica. Magari scrivitelo, su un fogliettino, un appunto veloce, un tatuaggio vicino alla svastica. E ci risentiamo al prossimo post.
    Ciao mitico!

    @ Gabriella
    Un discorso incoerente come pochi! Rispetto le tue idee religiose, ma non si può scrivere “Fondamentalmente la razza è una sola: la razza umana” e poi “guardiamo quante persone nere … fanno grandi passi nel mondo”. O la razza è una sola, o i negri sono diversi (meglio o peggio). E che Caspio!

    @ ArabaFenice
    Ciao bella, piaciuto il titolo. Che leccornia (solo la Gelmini sa dove va l’accento di questa parola).
    Non faccio ironia, faccio satira. Sono mazzate nello stomaco, lo so.
    Hai parenti emigrati in Svizzera o Germania? Io no, mi auguro neppure tu.
    Baci.

  16. Bello il titolo, e anche l’immagine. e mi riporta a poco più di un mese fa che ero negli Iunait Steits.
    So bene cosa è l’emigrazione, ho uno zio in Germania, mio padre è stato in Germania e altre esperienze di persone a me vicine. Storcene un pochino il naso (ma il post è rimasto apprezzatissimo) non significa ritenere che tutti gli immigrati debbano essere cacciati a calci o non ritenere gravissimo e inaccettabile quanto accaduto oggi a Rimini. Ma evito di approfondire anche perché non è il tema centrale a cui hai dedicato questo spazio.

  17. Mamma mia, ha fatto una battuta! Non faceva ridere, ok, ma non è mica una colpa. O_o

  18. Ciao! Ti rendo la visita… mia abitudine non molto gradita visto che so essere una vera rompiscatole… per la serie Godot non arriva, ma quando arriva!!!
    Comunque ho scoperto la tua identità! Ammettilo sei l’insegnante di inglese di Berlusconi… no? Strano perchè hai riferito parola per parola il suo discorso tipico in inglese… compreso “Adesso… pappa!”
    Comunque dato che Berlusconi non è un satirista… e ha abbandonato la carriera di animatore (purtroppo per noi) anni fa dopo essere sbarcato dalla nave da crociere… io ho trovato la sua “carineria” inaccettabile.

  19. […] Novembre 2008 in Uncategorized Vale la pena leggerli. Qui e qui. Ah, e anche questo! […]

  20. Ti ho scoperto grazie a Galatea, credo che ci incontreremo spesso.
    Notevole la conferma della totale mancanza di ironia da parte dei berlusconci.
    Un abbraccio

  21. Che scena fantastica! Personalmente, ogni volta che lo sento parlare mi viene la nausea; ma ve lo ricordate l’agghiacciante gesto della mitraglia rivolto ad una giornalista (che neanche ce l’aveva con lui) mentre era vicino a Putin? Certo, si può dire che tanti altri concretizzano quello che lui si limita a mimare, ma lui è la nostra immagine nel mondo, e ragionare sulle conseguenze dei suoi comportamenti fa parte delle sua RESPONSABILITA’ di politico, invece in questi casi si comporta come uno qualunque al tavolino di un bar!
    Per il “sissignore” penso invece che sia realta’ consolidata già dalla fine della guerra, siamo pieni di loro basi militari e non ci molleranno mai!
    Hai provato a immaginare una scena simile se SB avesse osato dire lo stesso alla Rice?

  22. bella scena, molto catartica per chi, come me, quando sente parlare il “premier” vorrebbe menargli, sopratutto per lo stile 🙂 purtroppo BO ha un’aria e un’educazione troppo di alto livello per fare le nostre vendette materialmente. Comunque a figure da scemi siamo sempre andati forte, qualcuno si ricorda le cose che riusciva a dire e fare Pertini? con tutto l’affetto che avevo per lui a volte mi sarei scavata una buca per nascondermi.

  23. Ciao, anch’io ti ho conosciuto grazie a Galatea (grazie Galatea;)
    Bello il post, ma i commenti sono la parte decisamente più “da colpo allo stomaco”, altro che la satira. Agghiaccianti. Sempre così da queste parti? Più me ne sto all’estero, più mi spiego perché…
    Grazie e continua così (sperando che non ce ne sarà presto più bisogno, ma mi pare che in Italia questo sogno sia proprio solo un sogno, altro che “alternanza”!!!)

  24. @ Salpo
    Grazie Galatea lo dico io! 😉
    I commenti da Silvio Fans Club arrivano da OKnotizie, è un humus da sottobosco florido e fiorente, di stile naif e godibile nelle sue contraddizioni. Da incorniciare.

    @ Farlocca
    Non dimentichiamoci che ora BO è presidente, dovrà rimboccarsi le maniche per sistemare l’economia interna. Se qualche cretino gli fa perdere tempo non esietrà a mettere da parte la diplomazia per 5 minuti.

    @ Tutti
    Grazie!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: