Chiappe DOC

24 ottobre 2008 alle 11:10 | Pubblicato su Satira | Lascia un commento
Tag: , , , ,

Dopo le classi differenziate per i bambini degli extracomunitari, i leghisti lanciano un’ingegnosa proposta: insegnanti della scuola primaria e secondaria assunti su base regionale. In poche parole: ai bambini lombardi, maestri e professori lombardi; lasciamo al sud i docenti “terroni”.

Il suggerimento è valido e legittimo come le borse di Prada vendute dai marocchini. Provo a giocare d’anticipo e immagino le prossime idee delle Camicie Verdi. Perché solo gli insegnanti? Se proprio vogliamo adottare un principio così illuminato e moderno, dobbiamo estenderlo a tutte le categorie.

Che ne può sapere infatti un medico siciliano, abituato a curare ferite da lupara, di come si sgorga una intossicazione da “cassoeula”? Un ingegnere napoletano, esperto nella costruzione di casette abusive, è in grado di progettare un grattacielo nel centro di Milano? Senza dimenticare gli avvocati calabresi, abilissimi nel togliere di galera i signori della ‘ndrangheta, ma incapaci di difendere chi propone di usare il tricolore per pulirsi le terga.

Quindi lombardaggine per tutti! Anche per chi è nato al nord, ma ha la sfiga di avere dei genitori immigrati (anche da Bologna). Ai poveretti il diritto di rispedire alla base mamma e papà e di farsi adottare da una famiglia di Erba o Tradate.

Lo stesso principio vale per coloro che hanno commesso l’errore di farsi trascinare all’altare da Rosaria o Salvatore. Avranno la possibilità di rottamare il coniuge e di permutarlo con uno di Bergamo.

E infine via dalla nostra bella regione anche i “ricchioni” campani e i “bucaioli” toscani, i “froci” laziali e i “tubini” liguri, i “culani” emiliani e i “viados” brasiliani. Grazie al “federalismo”, è arrivato finalmente anche il momento di inchiappettarsi su base regionale. Nessuno deve rubare spazio ai nostri lombardissimi “culattoni”!

Annunci

Non trovate strano…

15 settembre 2008 alle 18:11 | Pubblicato su Satira | Lascia un commento
Tag: , , , , , , , , , ,

… che la signora Marcegaglia, presidente della Confindustria, definisca “marginale” la sua partecipazione alla cordata per Alitalia? Si tratta, ha detto la brava Emma, di un contributo che ammonta “soltanto” a dieci milioni di euro: quanto guadagnano una dozzina di operai in tutta la vita.

… che la ministra Gelmini voglia fare dei corsi per riqualificare i professori del Sud e poi, partendo da Brescia, sia andata proprio a Reggio Calabria per sostenere l’esame di abilitazione alla professione di avvocato? Pare, ha detto la brava Mariastella, che a Brescia esistesse un tetto di posti già assegnati: insomma una logica di casta (a Brescia!). Quindi lì non c’era spazio per i meritevoli, che hanno dovuto trasferirsi nel Meridione per vedere riconosciuto il proprio valore (a Reggio Calabria!). Davvero un doppio salto mortale con triplo avvitamento.

… che, alla proposta di Veltroni di concedere il voto amministrativo agli immigrati, la Lega abbia risposto dicendo che “non è una è una priorità” e che “non era nel programma”? Ma nemmeno le leggi “ad personam” di Berlusconi erano nel programma (e tantomeno erano una priorità) eppure sono state fatte.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.
Entries e commenti feeds.